article image

eTwinning segna la fine della Campagna di Primavera e l’inizio delle vacanze estive!

L’anno scolastico è giunto al termine. Quale modo migliore per decretare la fine della primavera e l’inizio dell’estate, se non premiare i vincitori della Caccia al tesoro online?

I quattro finalisti del gioco eTwinning sono riusciti a trovare il Prisma dell’Inclusione e a mandare a monte i malvagi piani di Mister Z risolvendo tutti i quiz su argomenti come chimica, matematica e materie umanistiche!

La Caccia al tesoro ha visto la straordinaria partecipazione di quasi 1000 insegnanti, che hanno giocato insieme alle loro classi, imparando fatti interessanti sull’inclusione! Le nazioni con la partecipazione più massiccia sono state Regno Unito, Romania, Polonia e Italia.

L’insegnante eTwinning Agnieszka Czepiżak, vincitrice per la fascia d’età 6-12 anni, ha dichiarato che il gioco “ha portato in classe metodi nuovi e una didattica non convenzionale, ha accresciuto la consapevolezza degli alunni su altre culture, sui diversi popoli e i loro problemi, e sulla convenzione per i diritti umani, abbracciando valori come tolleranza, uguaglianza e democrazia. Il gioco online ha richiesto competenze di logica, matematica e analisi, ma anche immaginazione, arte e cooperazione da parte degli studenti. Ha inoltre contribuito a sviluppare la curiosità degli studenti su scienza, conoscenza di altri codici linguistici, nazioni, luoghi, culture, portando un’atmosfera interculturale in aula. Gli alunni sono stati entusiasti degli indovinelli, che hanno condiviso con le famiglie e ogni settimana mi hanno chiesto una nuova sfida da superare. È stato un grande divertimento e una grande emozione!”, ha aggiunto Agnieszka.

Parlando dei quiz della Caccia al tesoro online, la vincitrice nella categoria 12+ anni Helena Drobúlová ha sottolineato che “i test erano molto interessanti anche per gli insegnanti. I vantaggi stavano nella diversità tematica e nei vari livelli di difficoltà. Si tratta di uno strumento straordinario da usare nella didattica!”