Homepage>>Ultime novità>>Novità>> Che lingue stai imparando in eTwinning?
Che lingue stai imparando in eTwinning?

Alt Image
Quali lingue stai usando in eTwinning? In che modo i tuoi studenti imparano le lingue sulla piattaforma? Scopri come gli insegnanti vedono il loro rapporto con le lingue in eTwinning.

 

eTwinning è un’iniziativa fortemente multinazionale e multilinguistica: il fatto che il suo portale sia in 24 lingue è già una buona indicazione dell’importanza che diamo al multilinguismo. Tuttavia, alcuni potrebbero obiettare che la lingua franca di eTwinning è comunque l’inglese e, a meno che non padroneggiate questa lingua, potreste non essere in grado di contribuire attivamente alla varietà di opportunità offerte da eTwinning.

Al fine di verificare la veridicità di questi assunti, di recente abbiamo posto qualche domanda agli eTwinner riguardo alle lingue che usano e imparano. Il sondaggio è stato condotto attraverso il Desktop eTwinning per un paio di settimane e ha ricevuto oltre 1.600 risposte da insegnanti impegnati in progetti.

  1. Lingua(e) di comunicazione usata(e) nei progetti

I risultati (vedi Grafico 1) confermano che l’inglese è davvero la lingua più usata (60%), seguita da francese (9%), tedesco (8%), spagnolo (5%) e italiano (4%). È importante notare che il 40% dei progetti non usa l’inglese come lingua di comunicazione e che sono rappresentate virtualmente tutte le lingue europee.

Grafico 1 – Lingue di comunicazione nei progetti

Analizzando i dati per nazione, abbiamo scoperto che – sebbene l’inglese sia la lingua di comunicazione più rappresentata in Turchia a Polonia – è più probabile che in nazioni come Italia e Spagna si usi il francese.

  1. Lingue apprese nei progetti incentrati sulle lingue

I risultati (vedi Grafico 2) mostrano che l’apprendimento dell’inglese è una priorità per il 51% di tali progetti, seguito da tedesco (11%), francese (9%) e spagnolo (8%).

Questi dati mostrano che le lingue diverse dall’inglese hanno ancor più possibilità di essere usate nei progetti linguistici (51% di apprendimento dell’inglese contro il 60% della comunicazione in inglese). Tutto ciò risulta ancor più sorprendente se teniamo in considerazione il fatto che la prima lingua straniera insegnata è l’inglese, con un 90% delle nazioni coinvolte. Se gli insegnanti indicano che altre lingue oltre all’inglese vengono imparate in un numero così elevato, questo suggerisce che gli insegnanti di queste lingue fanno affidamento sul supporto di eTwinning molto più di quanto non facciano i loro colleghi di inglese!

Grafico 2 – Lingue target nei progetti

  1. Nel complesso, quali sono le lingue di comunicazione in eTwinning?

Confrontiamo ora i risultati del sondaggio con i dati registrati per tutti i progetti di eTwinning.

Anzitutto, i dati relativi alle lingue usate nei progetti confermano pressappoco i dati del sondaggio (inglese nel 55% dei progetti, francese nel 12%, tedesco nell’8% e spagnolo nel 6%).
Quando propongono un progetto, agli insegnanti viene chiesto di scegliere la lingua o le lingue di comunicazione più importanti. Qui, l’inglese ha una maggioranza schiacciante: l’82% di tutti gli utenti indica l’inglese, seguito dal francese con il 22%, dal tedesco con il 16% e dallo spagnolo con il 13% (vedi Grafico 3). Quando cercano un partner, gli utenti mostrano una chiara preferenza per l’inglese come lingua di comunicazione al fine di ottenere il maggior numero possibile di risposte.




Grafico 3: le lingue di comunicazione degli eTwinner

  1. In termini di strumenti offerti, tutte le lingue godono della stessa attenzione in eTwinning


Il Desktop eTwinning offre uno spazio interattivo su vari argomenti con le cosiddette Sale Insegnanti. Nelle quasi 400 Sale create durante lo scorso anno scolastico, la principale lingua di comunicazione resta l’inglese (vedi Grafico 4) con quasi il 70%. Ma sono rappresentate tutte le lingue, e diverse Sale sono rivolte a specifici gruppi linguistici (anche in questo caso possono essere scelte più lingue quando si crea una Sala). Esempi di Sale in altre lingue: “Deutsch & Co. Neue Technologien im Daf Unterricht” (tedesco), “Les langues romanes” (francese), o “Italiano come lingua straniera” (italiano).



 
Grafico 4: Lingue delle Sale Insegnanti
 

Conclusioni

Insieme, i dati del sondaggio e quelli provenienti dal database mostrano uno scenario linguistico molto dinamico. L’inglese resta chiaramente la prima lingua di comunicazione nei progetti. Tuttavia, quando si tratta di lavorare sull’apprendimento delle lingue, un progetto su due è incentrato su una lingua diversa dall’inglese. Questo suggerisce che gli insegnanti fanno un forte affidamento su eTwinning o per esercitare una seconda lingua imparata a scuola o quella usata solo nel contesto del progetto eTwinning. Un utilizzo che può solo essere ulteriormente incoraggiato!
 

  • "La mia prima lingua è il maltese e eTwinning mi offre la possibilità di parlare e comunicare in inglese.  A dire la verità, se non parlassi questa lingua mi sarei sentita a disagio nella comunità eTwinning.  La maggior parte dei partner con cui ho collaborato usavano questa lingua per comunicare e quelli che non conoscevano l’inglese facevano del loro meglio per impararlo.  Ho anche cercato di fare del mio meglio per imparare altre lingue.  I bambini della scuola materna in cui insegno parlano solo la loro lingua madre, ma comunicare in inglese li sprona a iniziare a imparare questa lingua." Miriam Schembri, Ambasciatrice di Malta.
  • "La mancanza di competenze in una lingua straniera è una delle resistenze principali che gli insegnanti percepiscono rispetto al registrarsi a eTwinning. Non c’è dubbio che l’inglese sia, fra le lingue di comunicazione, la più diffusa in Europa. Tuttavia, non è la sola. I risultati di questo sondaggio mostrano un significativo utilizzo delle altre. Lo spagnolo, per esempio, è utilizzato come lingua di comunicazione nel 5% dei progetti in generale e nell’8% dei progetti incentrati sulle lingue. Questi dati, unitamente a una piattaforma davvero multilingue,  fanno di eTwinning un luogo per tutte le lingue." Diego Rojas Ruiz, Unità Nazionale eTwinning Spagna
  • "È importante la realizzazione di un plurilinguismo che prenda seriamente in considerazione l’eterogeneità linguistica del nostro continente e che potrebbe permettere una competenza davvero europea fino a suggerire la possibilità di una riforma dell’insegnamento linguistico attraverso una metodologia “e-Twinning” che superi la barriera principale per una competenza plurilinguistica: lo sforzo di apprendimento ipotizzato e temuto e un’opinione diffusa che considera il plurilinguismo eccezione e non normalità.. Attraverso l’azione eTwinning si vive l’esperienza del fatto che, motivati dalla necessità di comunicare e dall’affettività legata alla comunicazione, alunni ed insegnanti scoprono che nessuna lingua straniera è terra del tutto vergine! I risultati (vedi grafico 2) dimostrano che, se imparare l'inglese è una priorità per il 51% di tali progetti, seguito dal tedesco (11%), francese (9%) e spagnolo (8%), tuttavia tutte le lingue sono rappresentate e spesso i progetti non hanno come obbiettivo primario l’apprendimento della lingua ma la utilizzano per comunicare." Marina Marino, Ambasciatrice in Italia
  • In Italia, la gamma delle lingue usate nei progetti eTwinning è piuttosto simile a quelle degli altri paesi europei, con alcune particolarità.
    Dopo le quattro lingue principali (inglese, francese, tedesco e spagnolo), si registra una situazione diversa da quella europea: il polacco, il rumeno e il greco, usati rispettivamente nel 3,7, 3,3 e 2,3% del totale dei progetti eTwinning, rispecchiano il fatto che Polonia, Romania e Grecia sono tre delle nazioni preferite in cui gli insegnanti italiani cercano partner. In altre parole, notiamo una preferenza per le lingue romanze, ma solo dopo l’ampia diffusione dell’inglese.
    Massimiliano D'Innocenzo, Unità Nazionale eTwinning Italia
  • “In Italy, the range of languages used by teachers in eTwinning projects is quite similar to the European level, with some slight differences. After the four main languages (English, French, German and Spanish), there is a quite different situation compared to the European level: Polish, Romanian and Greek, used respectively in 3,7, 3,3 and 2,3% of the total number of eTwinning projects, due to the fact that Poland, Romania and Greece are three of the preferred countries where Italian teachers look for partners. In short, as we could expect, there is a good preference for romance languages, but only after the widespread diffusion of English.” Massimiliano D'Innocenzo, Italian National Support Service
  • "I risultati del sondaggio riguardo all'uso delle lingue nei progetti eTwinning sono notevoli; in particolare, quelli relativi al significativo coinvolgimento degli insegnanti impegnati a imparare lingue diverse dall'inglese. Nel nostro paese si riscontrano risultati simili nell'area della lingua di comunicazione usata nei progetti eTwinning. Il 62% dei progetti attivi usa l'inglese, il 19% il ceco (in ragione della prossimità geografica e linguistica) e l'11% usa il tedesco. Una percentuale del 5%, poi, rappresenta i progetti che utilizzano altre lingue di comunicazione, come slovacco, polacco, francese, spagnolo o ungherese. Inoltre, secondo i risultati del sondaggio, gli strumenti del Desktop eTwinning sono per lo più utilizzati da insegnanti che conoscono l'inglese, il tedesco o il russo. L'inglese resta pertanto la prima lingua di comunicazione nei progetti eTwinning e ci auguriamo che l'utilizzo delle altre lingue aumenti." Ing. Alena Chrenková, PhD. Università di Zilina, Slovacchia
  • - eTwinning è uno strumento importantissimo per mettere in contatto gli studenti delle scuole primarie e secondarie di tutta Europa.
    - eTwinning è essenziale per sviluppare il multilinguismo attraverso l'istruzione in Europa, specie dal momento che il Portale è disponibile in 24 lingue, il che è, in sé, un ottimo stimolo per il multilinguismo. È importante sottolineare quanto eTwinning sia in grado di fare per promuoverlo. Il fatto che un'elevata quota di scambi abbia luogo in inglese non è sorprendente né sconcertante. È rassicurante vedere come quasi il 40% degli scambi sia condotto in altre lingue europee e che questa percentuale sembri aumentare.
    Questo sondaggio getta una luce interessante sull'uso delle lingue nei progetti su scala europea e mostra che i programmi europei possono dare un contributo tangibile al multilinguismo.
    Vorrei anche dare alcuni importanti consigli:
    1 Sono convinto del fatto che, una volta instaurati gli scambi fra le scuole in inglese, ci dovrebbe essere il desiderio – o piuttosto l'interesse – a continuare lo scambio insegnando la lingua del partner. Perhaps there should an incentive for this at European or national level.
    2 Ritengo inoltre che si dovrebbe sviluppare l'intercomprensione attraverso metodi interessanti in eTwinning. Sono certo, infatti, che la si dovrebbe istituire la formazione all'intercomprensione in eTwinning e ci sono persone qualificate che potrebbero essere interessate a raccogliere la sfida.
    3 Il prossimo anno sarà l'Anno Europeo dell'Invecchiamento Attivo e della Solidarietà fra le Generazioni. Anche in questo caso, eTwinning potrebbe agire da stimolo per l'apprendimento delle lingue.
    Michel Lefranc, Ministero francese per l'istruzione nazionale, la gioventù e le organizzazioni di volontariato
     
  • Web Editor: Maillard Pierre
  • Pubblicato: 21.09.2012
  • Ultimo aggiornamento: 21.09.2012